Il Presidente della Commissione Europea Jean Claude Juncker ha presentato oggi, nel suo discorso sullo Stato dell’Unione all’Europarlamento, le proposte approvate dalla Commissione. E mentre in Europa il peso della crisi dei migranti si fa sempre più gravoso, Junker ha anche aggiunto che «Se fossi Papa, direi agli europei di non avere paura e di essere orgogliosi dell’Europa». Riportiamo, di seguito, alcune delle proposte approvate:

RICOLLOCAMENTO DI EMERGENZA

120mila rifugiati da Italia (15.600), Grecia (50.400) e Ungheria (54mila) saranno redistribuiti tra i paesi dell’Unione Europea. La divisione segue una chiave obbligatoria fondata su criteri obiettivi (40% per il volume della popolazione, 40% per il Pil, 10% per la media delle domande di asilo presentate in passato, 10% per il tasso di disoccupazione) e si applica alle nazionalità con una percentuale di riconoscimento medio della richiesta di asilo a livello dell’Ue superiore al 75%. Questa nuova proposta si somma a quella di maggio per ricollocare 40mila persone da Italia (24mila) e Grecia (16mila). Con i due schemi si arriva ad un totale di 160mila. Lo schema sarà corredato da un sostegno di 780 milioni di euro dal bilancio Ue agli Stati membri che partecipano, compreso un prefinanziamento del 50% per garantire che le amministrazioni pubbliche dispongano dei mezzi per intervenire con rapidità.

CLAUSOLA DI SOLIDARIETÀ TEMPORANEA

Se, per motivi giustificati e obiettivi come, ad esempio, una calamità naturale, uno Stato non può temporaneamente partecipare in toto o in parte ad una decisione di ricollocamento, sarà tenuto a versare un contributo finanziario al bilancio dell’Ue per un importo dello 0,002% del suo Pil. La Commissione europea analizzerà i motivi notificati dal Paese e deciderà se ne giustificano la mancata partecipazione al programma, per un massimo di 12 mesi. In caso di partecipazione parziale, l’importo sarà ridotto in proporzione.

MECCANISMO PERMANENTE DI RICOLLOCAMENTO

La Commissione propone un meccanismo di solidarietà strutturato che può attivare in qualsiasi momento per aiutare gli Stati membri di fronte a situazioni di emergenza. Tali circostanze saranno definite dalla Commissione in base al numero delle domande di asilo degli ultimi sei mesi, pro capite, e in base al numero degli attraversamenti irregolari delle frontiere negli ultimi sei mesi. Si applicano gli stessi criteri di distribuzione, obiettivi e verificabili, delle proposte di ricollocamento d’emergenza. Il meccanismo permanente terrà conto dei bisogni, della situazione familiare e delle competenze dei richiedenti asilo. Anche in questo caso si applicherà la clausola di solidarietà temporanea.

ELENCO UE DEI PAESI D’ORIGINE SICURI

Consentirà di trattare più rapidamente le domande di asilo dei candidati provenienti da Paesi che tutta l’Ue considera sicuri e di accelerarne il rimpatrio se la valutazione individuale della domanda conferma che non sussistono le condizioni del diritto all’asilo. Bruxelles propone di inserire nella lista Serbia, Turchia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia, Kosovo, Montenegro.

Migliore efficacia della POLITICA DI RIMPATRIO

La Commissione propone un piano d’azione che prevede di rafforzare l’attuazione della direttiva in materia, migliorare la condivisione delle informazioni, rafforzare il ruolo e il mandato di Frontex. In parallelo è stato adottato un manuale che offre alle autorità nazionali istruzioni pratiche per eseguire i rimpatri dei migranti che non hanno diritto di restare in Ue.

Comunicazione sulle norme degli appalti pubblici per le misure di SOSTEGNO DEI RIFUGIATI

Gli Stati devono rispondere in modo adeguato e rapido ai bisogni più impellenti dei richiedenti asilo come alloggio, generi di prima necessità, servizi. La comunicazione fornisce indicazioni alle autorità nazionali su come fornire tali servizi in modo veloce ed efficiente nel rispetto della normativa Ue.

FONDO PER L’AFRICA

Bruxelles ha stanziato 1,8 miliardi di euro per istituire un ‘trust fund’ di emergenza per affrontare le cause profonde della migrazione irregolare dal Sahel, Lago Ciad, Corno d’Africa e dell’Africa settentrionale. Il fondo sosterrà queste regioni nello sviluppare maggiori opportunità socioeconomiche e migliori politiche di gestione della migrazione. Bruxelles attende un contributo attivo anche dagli Stati membri. La Spagna, ad esempio, ha già confermato la propria partecipazione.

INASPRIMENTO DELLE PROCEDURE DI INFRAZIONE

L’altra faccia della solidarietà offerta agli Stati in prima linea è che tutti devono dar prova di responsabilità nell’applicare le regole comuni dell’Ue. A tal fine, questa settimana la Commissione inasprisce anche le procedure d’infrazione e applica l’approccio dei centri ‘hotspot’ negli Stati membri in prima linea.